L'arte dello scrivere...forse

Io sono Weirde: lettrice accanita, bookblogger e scrittrice. Cerco spunti e idee. Nonchè opinioni su ciò che scrivo. Inoltre amo leggere e molto spazio su questo blog sarà dedicato ai libri. Ogni genere di libri verrà trattato, con particolare attenzione ai generi urban fantasy e paranormal romance. Mi trovate anche su Facebook, anche lì potrete leggere tutti i post di questo blog




IF YOU CAN'T READ ITALIAN


LIBRO BLOG 2013



IL BANNER DEL MIO BLOG
L’arte dello scrivere



Il banner: VOGLIAMO LIBRI URBAN FANTASY PER ADULTI ALTRIMENTI CI ARRABBIAMO
L’arte dello scrivere



Il banner: ODIO LE SERIE INTERROTTE
serie interrotte



Il banner: BISOGNA FINIRE CIO' CHE SI E' INIZIATO PROJECT incollatelo sui vostri blog per aderire alla petizione per la ripresa della pubblicazioni della serie In death di J.D. Robb e Ghostwalkers di Christine Feehan, entrambe interrotte dalla casa editrice Nord
L’arte dello scrivere



Il banner: RALLENTIAMO, NON VOGLIAMO PIU' VELOCITA' NELL'USCITA DEI LIBRI SE QUESTO VA A SCAPITO DELLA QUALITA' (nelle traduzioni e altro)
L’arte dello scrivere



ADERISCO
Photobucket

LINK
La mia biblioteca romantica;

Il blog di Annavivian;

Il mondo di Emily; Il blog di Millecuori;

Fairy rain world;

L'ora del libro;

Immergiti in un mondo rosa;

The booklover;

Passion books;

The booklover;

Sognadoleggendo;

Una passione oltre;

Bookpreview;

Living for books;

Diario di pensieri persi;

House of books;

Writer's dream;

Profumissima;

Isn't it romantic

Nonostante tutto Io sono fan di:



Le mie librerie



 


Disclaimer
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.


Se volete comprare libri a prezzi convenienti

234x60_promo

Potete aiutare il blog a crescere e la vostra blogger a comprare libri con una piccola donazione, se volete


Questo blog adora




Questo blog è segnalato da

Pettegolo Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog

Recent Tweets @weirde
Posts tagged "libri romance"

Ho già accennato in un post precedente al fatto che la discussione tra editori e pubblico a cui ho assistito a La vie en rose, mi ha suscitato parecchie riflessioni. E siccome credo che riflettere non faccia mai male, ma anzi apra la mente, esattamente come il confronto, voglio rendervi partecipi di ciò che penso, e spero vogliate partecipare anche voi con le vostre riflessioni sull’argomento.

Gli editori, invitati dal pubblico a considerare la possibilità di pubblicare libri M/M, cioè libri romantici con incentrati su una coppia composta da due uomini, hanno posto a tutti noi una domanda semplice, ma al tempo stesso importante. Perché leggiamo  libri M/M?

Sul momento, al convegno, una risposta chiara non è stata data, perché non proviamo a darla noi ora?

Io parlerò per quanto mi riguarda e voi fate pure lo stesso con i vostri commenti.

Premetto che io non sono una lettrice settoriale, leggo di tutto e mi piacciono molti generi, anche se ho una predilezione per le storie romantiche e strane, magari paranormal o fantasy o sci-fi.

Io sono una figlia di Buffy, Lestat e Jean Claude, per intenderci e questo credo mi renda una lettrice con poche remore o confini. Amo provare generi di nicchia, anche se non sempre poi mi piacciono e leggere i libri di Lauell K. Hamilton e Anne Rice, mi aveva quindi già preparato ad essere aperta per quanto riguarda le copie presenti nei libri che leggo. Jean Claude è un personaggio bisessuale, così come molti altri della serie di Anita Blake, e anche i vampiri di Anne Rice, seppure meno esplicitamente, non avevano regole ferree di sesso riguardo l’amore. Nello stesso telefilm Buffy c’era una copia omosessuale, perciò diciamo che per me provare a leggere romanzi M/M non è stato per nulla strano. Con Anita Blake, praticamente già lo facevo.

image

Se trovo un libro che mi interessa o ha una trama che mi attira non importano i gusti sessuali dei protagonisti, una bella storia d’amore è bella e basta. E inoltre le trame romance seguono canoni quasi identici sia che la coppia sia M/M, che M/F. Davvero in certi libri uno dei due uomini ha un comportamento psicologicamente talmente da donna, che ti viene da chiederti se l’autore non abbia scritto di due uomini solo per catturare un certo tipo di pubblico e basta.

Per fortuna non tutti gli autori di M/M sono così, anzi. E leggere una storia d’amore dal punto di vista maschile può essere molto interessante, per una donna, poichè di solito molti romance sono da un punto di vista femminile.

Ma torniamo a me. Mi è capitato di leggere M/M paranormal belli e meno belli, romance M/M belli e meno belli, e posso dire che la cosa importante è che il libro sia scritto bene e la trama sia avvincente, tutto il resto, compreso il sesso dei protagonisti, semplicemente non importa.

image

Se un libro è bello, è bello, punto e basta. Perciò alla domanda ‘Perché leggo M/M?’ posso rispondere semplicemente che mi piace scovare bei libri e che, se sono M/M, non mi tiro certo indietro per questo. L’amore è amore.

Ma entrando più nel particolare dobbiamo anche ammettere che a volte leggere M/M un poco più spinti, tipo i romance erotici M/F che vanno tanto ora, dà un brivido speciale a una lettrice donna, poiché raccontano in modo più o meno particolareggiato un tipo di rapporto sessuale che noi non abbiamo sperimentato personalmente, nè potremo sperimentare, poichè siamo donne e questo ci rende curiose.  E credo che questo sia tra l’altro anche il motivo per cui i romanzi F/F invece non riscuotono lo stesso successo.

Per quanto mi riguarda se devo leggere una storia d’amore classica, cioè basata su una trama classica, tipo il pirata che si innamora della rapita, o il duca che sposa la poverella preferisco leggere di una copia M/F poiché questo per me rispecchia la classicità dei temi trattati. Anche nel genere paranormal romance di solito preferisco coppie eterosessuali poichè mi piace vedere eroine che sono forti quanto i loro patner, mi piace l’eguaglianza dei sessi che spesso si trova in questi romance, un tema che si perde se si tratta di paranormal M/M.

L’unico caso di romance che preferisco con protagonisti M/M sono i BDSM romance, quelli che vanno tanto ora. Posto che non adoro il genere, riesco a leggerlo solo con protagonisti M/M poiché non sopporto vedere una donna nel ruolo di sottomessa al suo master uomo, mi dà proprio la nausea, ma riesco a sopportare un sottomesso maschio ad un master maschio. Non chiedetemi perchè, forse perché nella mia mente so che se un giorno sto poverino si stuferà di venir trattato così potrà prendere a pugni l’altro….

Sono strana lo so. Ma a parte queste preferenze generali, davvero, se un libro merita, ed è bello, merita e basta, e lo leggo di qualunque genere sia la coppia che ha come protagonista. Non mi pongo neppure il problema, a dire il vero.

Se un libro è bello, tipo Vulnerable di Amy Lane, sopporto pure i triangoli amorosi, e io li odio in modo totale….

image

Detto tutto questo, agli editori, se mai leggeranno questo post, non chiedo di pubblicare una collana M/M. Io non amo vedere il mercato invaso da generi alla moda come è accaduto con gli Young adult, poi con gli erotici, i bdsm e infine i New Adult. amo la varietà e credo sarebbe bello pubblicassero di tutto un po’ in misure sopportabili, variando. Perciò magari gli chiedo di pubblicare anche qualche libro M/M se vorranno, insieme a tutti gli altri generi, senza concentrarsi solo su un unico genere. Poiché insistere con gli erotici prima e ora i new adult rischia di stancare il lettore, io sono già stanca.

Pubblicate semplicemente rosa, ogni tipo di rosa dal mistery rosa, al rosa suspance, dal romance storico al romance erotico, dal romance M/M al fantasy romance, fino al paranormal romance e magari pure il futuristic romance, in modo da regalarci varietà e stupire continuamente il lettore. Questa è la mia proposta.

Forse il formato ebook potrà aiutarvi a sperimentare pubblicazioni di generi di nicchia una volta al mese, o ogni tanto, più o meno come Fanucci ad intervalli di tempo regolari ripropone fantasy classici o I Romanzi Mondadori nella Collana Oro ripropongono romance ormai introvabili. Perché non proporre una volta al mese un romance M/M, o magari un furistic romance tipo quelli di Jayne Castle, o un vecchio fantasy romance ormai introvabile uscito nella colla Luna secoli fa? Secondo me, la varietà potrebbe aiutare le vendite.

E ora la parola passa a voi lettori del blog. Qual è la vostra opinione a riguardo?

Visto quanto vi è piaciuta l’ultima citazione che ho fatto, non posso non parlarvi del romanzo da cui l’ho tratta, How to tame your duke di Juliana Gray.

Questo romanzo è il primo di una trilogia, Princess In Hiding:
1. How to Tame Your Duke (2013)
2. How to Master Your Marquis (2014)
3. How to School Your Scoundrel (2014)

La serie racconta la storia di tre sorelle, principesse di un piccolo stato germanico e vittime di un misterioso complotto. Rimaste orfane di madre in tenera età, e ora di padre (una di loro è anche rimasta vedova) le tre ragazze fuggono da loro paese e si rifugiano in Inghilterra da loro zio, il Duca di Olympia.

E’ chiaro che il Duca è un uomo con le mani in pasta, e una spia che coordina altre spie, come ad esempio la governante che aveva dato alle ragazze e che si è rivelata un prezioso alleato….ma non è chiaro esattamente chi siano i buoni e chi i cattivi e chi sia dietro agli attentati alla vita delle tre ragazze.

Così il Duca decide di nascondere le ragazze, travestite da uomini, presso degli uomini importanti ignari della loro identità, che però spera finiranno per…interessarsi a loro e proteggerle….

Come potete ben capire dalla trama principale questi libri non sono privi di difetti, anzi. Il fatto di travestire tre principesse giovani e belle da uomini senza che nessuno si accorga dell’inganno, non è molto plausibile come anche il fatto che i piani strampalati del duca sui loro futuri matrimoni funzionino così bene….ma ci sono anche buoni spunti e idee e i personaggi, alcuni in particolare riescono a catturare il lettore.

Ma vediamo più in particolare il libro How to tame your book, il libro che ho letto, gli altre due seguiti ancora mi mancano.

Ogni libro si concentra su una sorella e il primo è dedicato ad Emilie, quella di mezzo, la più timida e studiosa delle tre sorella, che però sotto sotto anela a grandi avventure.

 

image

Trama: Emilie viene piazzata dallo zio nella tenuta del Duca di Ashland, come tutore di suo figlio sedicenne, il brillante ma anche scanzonato Freddy.

Il Duca, ha mezzo volto sfigurato a causa di ferite di guerra subite in India, è monco, ha capelli color argento, è alto, muscoloso, forte, tormentato e possiede due letali occhi azzurri. Emilie non ha scampo, se ne innamora quasi subito.

Lui però abbandonato dalla moglie e ferito nello spirito non cerca avventure, visto anche che crede Emile un uomo, si accontenta una volta al mese di vedersi con una donna a pagamento in un hotel.

E qui partiamo con le cose poco plausibili, un mese, per caso, Emilie vestitasi da donna per incontrare la sua ex governante all’hotel per nuove istruzioni e informazioni sulla sorte delle sorelle, viene scambiata per la donna che deve intrattenere il duca e lei sta al gioco. Inizia così una serie di incontri, prima al buio e molto pudici, poi sempre di meno, tra i due. Il Duca si innamora della donna misteriosa senza riconoscerla nel tutore che vede ogni giorno, neppure quando lei si fa vedere senza benda sugli occhi e alla luce…… mah

Comunque sia alla fine la realtà viene svelata, ma sorgono altri piccoli intoppi che non sto qui a raccontarvi.

La mia opinione: Ora, inutile dire che la trama in sé non mi ha entusiasmato, ma il Duca mi ha conquista. Ferito nel corpo e nello spirito, prossimo ai quaranta, tormentato, galante, forte coraggioso e tenerone dentro, con difficoltà ad esternare i propri sentimenti…pigia praticamente tutti i miei bottoni, per quanto riguarda gli eroi romantici. Ama senza limiti una volta che si lasca andare fervidamente e costantemente e ha parole dolcissime per Emile.

Le scene d’amore poi, sono molto bollenti.

Avrei preferito una trama più realistica, ma lui e suo figlio Freddy sono valsi la pena da soli di leggere questo libro, per ora inedito in italiano.

 
Oggi voglio parlarvi di un libro che ho letto tempo fa, ma non ho mai trovato il tempo di farvene una recensione, perciò rimedio ora.
Si tratta di un romance atipico che mi è piaciuto un sacco e vi spiego perché. Io amo molto i film con Esther Williams, l’attrice nuotatrice, avete presente? E questo libro è un romance storico che ha come protagonista una ragazza di buona famiglia che ama nuotare. Abita a Brighton e capirete…..nuotare non era cosa da donne all’epoca regency, eppure, di nascosto lei nuota meglio degli uomini…. Interessante non trovate? 
 
image

Titolo: Summer Is for Lovers

Autore: Jennifer McQuiston   

Inedito in italiano
Trama: Caroline Tolbertson è una ragazza atipica. Invece di dedicarsi agli acquerelli o la ricamo o magari al pianoforte la sua passione segreta, ereditata dal padre, è il nuoto. Nuota come un pesce, ma è costretta a farlo di nascosto. Un giorno, per caso, ancora giovanissima, salva uno sconosciuto dall’annegamento, non sapendo che l’uomo cercava di suicidarsi e gli permette così di cambiare idea. Il giovane la colpisce e quando anni dopo torna a Brighton in visita, Caroline, rivedendolo si rende conto di esserne molto attratta. Purtroppo sa anche di non essere molto attraente, con le spalle larghe a causa del nuoto e i capelli perennemente in disordine….però qualcosa da offrire a quell’uomo gentile che la tratta come una signora ce l’ha: lezioni di nuoto. A Brighton ogni anno si tiene una gara di nuoto con in palio un premio in denaro e quei soldi potrebbero permetterle di mandare avanti la famiglia senza dovere sposarsi per forza, però solo gli uomini possono partecipare e solo lui sarebbe disposto a farlo per lei….
David non ha mai dimenticato la ragazzina che gli ha salvato la vita anni prima, e anche se un forte senso di colpa legato al suo passato gli impedisce di farsi avanti, non può negare a se stesso di provare qualcosa per la donna schietta e coraggiosa che è diventata. Perciò parteciperà volentieri in sua vece alla gara. Peccato che Caroline standogli accanto abbia deciso di non volere più il denaro ma il suo cuore….
La mia opinione: Molto molto carino, spero arriverà presto in italiano, e credo il mio desiderio sarà certamente esaudito, poichè ha avuto molto successo anche in America. L’elemento nuoto aggiunge un tocco di novità ad una trama già usata, e i personaggi sono entrambi molto simpatici. Molto molto carino e simile ai film della Williams, infatti come in quelli, alla fine Caroline sfoggerà un costume molto osè per vincere di persona la gara e vincere denaro e cuore del suo lui tutto in una volta. Consigliatissimo.

Leggo spesso trame strane o libri strani, ma questo proprio mi ha lasciato l’amaro in bocca perché prometteva molto bene.

Ma partiamo dall’inizio, in una lista di romance con protagoniste delle donne alte, ho trovato questo libro:

Cover of Never a Gentleman (The Drake's Rakes series) by Eileen Dreyer

Never a gentlemen, secondo libro della serie Drake’s rakes, di Eileen Dreyer.

Ora l’autrice non è famosissima e il libro aveva solo tre stelline, ma non mi sono lasciata scoraggiare. Era anche il secondo di una serie, ma anche questo non mi ha fermato.

La trama era carina: Grace, ragazza cresciuta seguendo suo padre e l’esercito a cui apparteneva, sa curare i feriti e sparare e cavalcare come un uomo, ma è incapace nelle occasioni sociali e mondane. Non bella, si è ormai rassegnata a un futuro da zitella quando viene drogata e poi trovata a letto con Diccan, un diplomatico inglese imparentato con una sua amica, Lady Kate. Anche lui era stato drogato e tutto faceva parte di un piano per distrarlo dal suo lavoro di spia e screditarlo davanti alla corona. I due perciò sono costretti a sposarsi….mentre Diccan deve anche sventare un complotto contro il re.

Trama piuttosto classica, ma con delle varianti interessanti, che non vi dico per non fare spoiler.

Inizio a leggerlo e ne sono soddisfatta anche se mi è chiaro fin da subito che mi manca background. avrei dovuto iniziare dal primo libro. I personaggi si conoscono già e probabilmente dovrei sapere già molte cose su Grace che qui non mi vengono riassunte subito. Ma l’autrice scrive bene, i personaggi sono interessanti e complessi. 

Poi però ecco che mi saltano fuori punti di vista multipli, non solo i protagonisti, ma anche personaggi secondari hanno brevi sprazzi di racconto nel loro punto di vista. E sapete che io non amo avere troppi punti di vista.

Inoltre io non amo i romance con le spie, e qui Diccan è praticamente una spia che deve mentire a Grace, per il suo bene, e flirtare e altro con altre donne per il suo lavoro….cosa che non amo.

Ma avrei potuto sopportare anche questo se non fossi rimasta sconvolta dalla loro prima scena d’amore.

Ora, immaginativi un uomo, Diccan fissato con i capelli rossi e costretto a sposare una mora o meglio una donna con dei capelli di colori indefinito….così Grace viene descritta, e già qui ero perplessa: i capelli come possono essere di colore indefinito? Io ho supposto fosse tra il moro e il castano.

Comunque Diccan è talmente fissato con le rosse che ha chiesto alle sue amanti passate di tingersi là sotto con l’hennè (e qui capitemi senza bisogno di essere più esplicita, non parlo dei capelli ma di luoghi visibili solo da svestiti). La prima notte di nozze quando vede Grace nuda rimane scioccato perché lei, là sotto, è rossa.

Ora ogni persona normale davanti al fatto che il colore di capelli della sua nuova e virginale moglie (ricordiamo che Grace era quasi zitella e che la sua reputazione era limpidissima, mai avuto corteggiatori, anzi Diccan stesso non vedeva all’inizio chi mai potesse essere attratto da lei) differisce da quello là sotto cosa penserebbe? Quale dei due luoghi è normale e sensato tingere? I capelli, dal momento che quelli sono visibili a tutti. Solo una prostituta o una cortigiana tingerebbe gli altri, se proprio…. e Grace non lo è.

Ma Diccan non giunge a questa conclusione. No, lui vuole pensare ciò che gli fa comodo. Appena vede il rosso si infoia, si convince (e glielo dice pure) che Grace abbia avuto tanti amanti nella sua vita e che si sia tinta volutamente di rosso là sotto per farlo impazzire di desiderio. Cosa che non ha senso, dal momento che sa benissimo che Grace è una donna dalla reputazione impeccabile, mai state voci su di lei, e non ha certo l’aspetto di una cortigiana né l’atteggiamento. E poi come farebbe mai a sapere che per lui vedere rosso là sotto è così erotico? Non è mica una cosa che capita a tutti gli uomini…..Non ha il minimo senso.

Ma Diccan, vista la sua convinzione, si sente in diritto di sbatterla contro un mobile e penetrarla senza tanti preamboli (ora a Grace piace perché a lei Diccan piace, ma questo non è il punto e lui resta un bruto e uno scemo) e scopre (si fa per dire fino a cinque minuti prima, cioè prima di vedere rosso l’aveva supposto e a ragione) che Grace è vergine e si sente in colpa.

Ora a me questa scena ha rovinato il romanzo, proprio rovinato. L’ho finito e alcuni punti buoni c’erano, ma Diccan non sono più riuscita a rivalutarlo. Non ce l’ho fatta, anche perché ne fa molte altre alla povera Grace.

Grace avrebbe meritato un marito e un protagonista migliore nella sua storia. Poi tutto finisce bene, e lei sboccia a poco a poco, da bruco a farfalla, imparando a lasciarsi andare…ma, il libro proprio mi ha deluso.

Forse mi sono lasciata disturbare da una sciocchezza, ma era così….senza senso che non ho più potuto vedere Diccan seriamente.

Una utente del blog mi ha chiesto romanzi con storie d’amore intricate e avvincenti, e per lei e per voi, naturalmente, ho preparato una piccola lista:

-In primis non posso non citare la serie di romanzi d’amore più complicata mai scritta: Angelica scritta dai coniugi Anne e Serge Golon:

Angelica è figlia di un barone decaduto. In gioventù scopre una boccetta di veleno destinata al re e sventa l’attentato. Scopre anche l’identità dei congiurati: ciò la metterà in pericolo per tutta la vita. Sposa controvoglia il ricco Joffrey de Peyrac, conte di Tolosa, ricchissimo e dotato di una voce incredibile, ma sfigurato e zoppo. Quando Angelica viene conquistata dalle virtù del marito, il destino li divide: accusato di stregoneria, Joffrey de Peyrac è condannato a morte. Lei si ritrova reietta a Parigi e diventa la regina della pitoccheria con il soprannome di “Marchesa degli angeli”. L’esclusiva per il commercio del cioccolato le consente di risollevarsi. Ricca, ma considerata borghese, non si accontenta della sua condizione. Costringe quindi il cugino, maresciallo di Francia, a sposarla e diventa così marchesa del Plessis-Bellièr. Il marito, inizialmente violento, col tempo si innamora di lei (e così fa il re Luigi XIV). Filippo del Plessis si lascia morire durante una battaglia, dopo aver dato ad Angelica il suo terzo figlio. Il Re, vinto dal suo amore, capisce che Lei non cederà mai e le confessa che Peyrac non è morto sul rogo, Angelica fugge da Versailles e parte in cerca del marito. Finita nelle mani dei pirati viene venduta al mercato di Candia. Il suo compratore è un pirata famoso (il Rescator). Angelica fugge e finisce alla corte del sultano del Marocco. Indomabile, riesce di nuovo a fuggire grazie all’aiuto del capo degli schiavi, Colin Paturel. Viene ricondotta in Francia dove il Re le ordina sottomissione. Lei solleva tutta la provincia del Poitu contro Luigi XIV, diventando “la ribelle di Francia”. Perde ma non si sottomette e scappa a La Rochelle, dove diventa cameriera di un ricco ugonotto. Ma gli ugonotti devono scappare dalla cittadina fortificata perché il Re li perseguita. Angelica reincontra il Rescator nella rada di La Rochelles e lo convince a far fuggire lei ed alcuni Ugonotti verso l’America. Si scopre ben presto che il Rescator non è altro che Joffrey de Peyrac. La vita dei coloni francesi in America non è facile ma lei è sorretta dall’amore di Joffrey e dalla tenacia nel voler riconquistare il posto che spetta alla sua famiglia presso il Re.

La serie di Angelica è composta nella sua edizione italiana da ben 21 libri:

1. Angelica Marchesa degli angeli

2. Angelica e il giustiziato di Notre-dame

3. Angelica alla corte dei miracoli

4. Angelica alla corte del Re

5. Angelica e le notti di Versailles

6. Angelica e l’amore del Re

7. Angelica l’indomabile

8. Angelica schiava d’oriente

9. Angelica si ribella

10. Angelica alla guerra

11. Angelica e il pirata

12. Angelica e il nuovo mondo

13. Angelica alla frontiera

14. La tentazione di Angelica

15. Angelica e la diavolessa

16. Angelica e il complotto delle ombre

17. Angelica a Quèbec

18. La sfida di Angelica

19. Angelica, la strada della speranza

20. Angelica, la fortezza del cuore

21. La vittoria d’Angelica

- Altra serie molto avvincente e intricata, è quella di Paullina Simons, che inizia con il libro Il cavaliere d’inverno:

 Il cavaliere d'inverno

Autore: Paullina Simons

Editore: Sonzogno

Trama: Leningrado, 1941. In una tranquilla sera d’estate Tatiana e Dasha, sorelle ma soprattutto grandi amiche, si stanno confidando i segreti del cuore, quando alla radio il generale Molotov annuncia che la Germania ha invaso la Russia. Uscita per fare scorta di cibo, Tatiana incontra Alexander, un giovane ufficiale dell’Armata Rossa che parla russo con un lieve accento. Tra loro scatta subito un’attrazione reciproca e irresistibile. Ma è un amore impossibile, che potrebbe distruggerli entrambi. Mentre un implacabile inverno e l’assedio nazista stringono la città in una morsa, riducendola allo stremo, Tatiana e Alexander trarranno la forza per affrontare mille avversità e sacrifici proprio dal legame segreto che li unisce.

-Altro libro assai intricato e ricchissimo di colpi di scena e avventura oltre che di amore è:

Padiglioni Lontani

 

 

 

Titolo: Padiglioni lontani

Autore: M. M. Kaye

Editore: Sonzogno

Trama: E’ ambientato nell’ India (e Afghanistan) dell’Ottocento, durante la colonizzazione inglese (il regno della regina Vittoria). Protagonista è Ashton, nato da genitori inglesi nell’India coloniale, ma allevato come un’indù, dopo la morte del padre, da una domestica nel piccolo principato di Gulkote, che gli nasconde le sue vere origini e gli dice di essere sua madre, per proteggerlo. Quando Ashton scopre le proprie origini viene riportato in Inghilterra ed educato all’europea, ma non riesce a sentirsi del tutto a proprio agio in una civiltà e in un ambiente così diversi da quelli orientali, in cui ha vissuto da bambino. Si arruola nelle Guide, torna in Oriente e qui, anche grazie alla sua conoscenza delle lingue e degli usi locali, viene utilizzato in missioni pericolose e segrete, prima in India e poi in Afghanistan. Dopo qualche anno incontrerà una principessa conosciuta durante l’infanzia con cui intreccerà una lunga e dolorosa storia d’amore. L’ultima parte del romanzo è ambientata a Kabul e descrive la disfatta della guarnigione inglese assediata dai ribelli. Questo riassunto può dare solo una vaga idea di una storia affascinante, piena di personaggi e avventure avvincenti, di descrizioni accurate degli ambienti e degli usi di quel mondo lontano e spesso indecifrabile. E’ un romanzo avventuroso e appassionante, ma anche serio e rigoroso nella documentazione storica e veramente ben scritto. Lo stile dell’autrice è chiaro e al tempo stesso profondo. Adatto a tutti, a chi ama le storie d’amore, le storie di complotti, di guerra, di luoghi lontani, di formazione, ecc….Uno dei pochi libri, che mi sento di poter dire, bisognerebbe aver letto almeno una volta nella vita.

-Un romanzo che non può mancare nella propria biblioteca è naturalmente La figlia della fortuna di Isabel Allende:

 La figlia della fortuna

Editore: Feltrinelli

Trama: Cile, 1832: Eliza viene abbandonata ancora neonata sulla soglia di casa dei fratelli inglesi Jeremy, John e Rose Sommers, che si sono trasferiti a Valparaiso. L’eccentrica Rose insiste perché la piccola cilena venga adottata ed entri a far parte della famiglia. Eliza vive tra due mondi: le viene impartita un’educazione rigidamente anglosassone, nella speranza di un futuro sereno coronato da un buon matrimonio, e al contempo le vengono fatte conoscere dalla cuoca di casa, Mama Freisa, la vitalità, la magia e la carnalità del suo popolo. Si innamora di un giovane idealista che lavora per Jeremy, il quale parte alla ricerca di giacimenti d’oro in California. Eliza si mette sulle sue tracce e lo segue tra mille avventure e pericoli.  Sakvata da uj merdico cinese, inizierà a collaborare con lui per raggiungere i suoi scopi ma lungo il camino scoprirà molte cose del mondo di se stessa e dell’amore.

- Altro titolo avvincente è La concubina russa:

La concubina russa

Autore: Kate Furnivall

Editore: Leggereditore

Trama: Cina 1928. In una città insidiata da ladri, pericoli e sofferenze di ogni sorta, la giovane Lydia ha dovuto imparare presto a sopravvivere. Proviene da una famiglia dell’aristocrazia russa, esiliata in seguito alla repressione bolscevica. A cinque anni ha visto morire suo padre e da allora il suo cuore è andato in frantumi. Ma Lydia non ha tempo per volgersi al passato, sua madre ha bisogno di lei e farà di tutto per assicurarle una vita dignitosa, persino commettere piccoli furti. È durante una delle sue uscite in cerca di fortuna che incontra il giovane comunista Chang An Lo. Fra i due è amore a prima vista, è come se avessero aspettato questo momento per riconoscersi nella solitudine terribile che li sovrasta. Tuttavia, la loro complicità li spingerà verso pericoli e intrighi molto più grandi di loro, portandoli a rubare una collana di rubini inviata da Stalin in regalo al comandante Chiang Kai-shek, e a introdursi in luoghi cui non avrebbero mai dovuto avvicinarsi: quelli delle lotte di potere fra comunisti e nazionalisti. In un’epoca dove l’amore sembra la scelta meno indicata, Lydia e Chang intraprendono un cammino che potrebbe distruggerli entrambi, ma nonostante tutto sembri ostacolarli, i due non sono in grado di ignorare un sentimento che mostra loro, forse per la prima volta, una promessa di felicità.

- Altra serie famosa per i suoi intrighi e colpi di scena è la trilogia di Phedrè di Jacqueline Carey, formata dai libri:

Il dardo e la rosa (Trilogia di Phèdre, #1)

IL DARDO E LA ROSA

Il regno di Terre d’Ange è nato dal passaggio di angeli sulla terra. Umani e immortali si sono uniti dando vita a un popolo in cui tracce dell’origine ultraterrena sono ancora visibili.Qui nasce Phèdre, il cui destino è segnato da un dettaglio fisico: una piccola macchia scarlatta nell’occhio sinistro, marchio di Kushiel, impietoso angelo della giustizia. I prescelti di Kushiel, gli anguisette, sentono il dolore fisico come piacere, caratteristica vantaggiosa in una società dai costumi sociali liberi come Terre d’Ange, fondata su un unico precetto: ama a tuo piacimento. Prima anguisette da generazioni, il dono e la maledizione di Phèdre la rendono uno strumento utile in una terra scossa da intrighi politici e giochi di corte. Educata dal misterioso Anafiel Delaunay, infatti, la ragazza imparerà ad usare le proprie abilità di cortigiana per ottenere informazioni diventando una spia abile ed efficiente. Ma quando il tradimento cambia la sua vita la ragazza dovrà imparare a vedere sotto le apparenze e a fare affidamento sulla propria, difficile, natura di anguisette.Confidando sulle proprie risorse e protetta da un giovane monaco guerriero, Joscelin Verreuil, Phèdre si muoverà tra intrighi e battaglie per difendere la propria terra, incontrando divinità, regine e barbari in un percorso che la porterà lontano.

LA PRESCELTA E L’EREDE

Un unico precetto guida infatti le Tredici Case che lo dominano: “Ama a tuo piacimento”… Audace e indipendente, Phèdre nò Delaunay ha lottato a lungo per raggiungere la libertà. Abbandonata dalla madre a quattro anni e deputata quindi a servire in una delle Case, Phèdre ha infatti capovolto il suo destino, diventando non soltanto una delle cortigiane più ammirate di Terre d’Ange, ma anche un’abilissima spia. E, grazie alle sue capacità, è riuscita a salvare il proprio paese dalla rovina e a sconfiggere una nemica formidabile, l’affascinante nobildonna Mélisande Shahrizai, che, dopo essersi sottratta alla condanna a morte, ha trovato rifugio nella repubblica della Serenissima. Quando però Mélisande fa consegnare a Phèdre - nella tenuta di Montrève in cui lei si è ritirata - un mantello ‘sangoire’, la giovane non ha dubbi sul significato di quel gesto: nel cuore di Terre d’Ange vive un traditore, qualcuno così vicino al trono da poterlo toccare, e lei è l’unica in grado di fermarlo, sempre che accetti la sfida lanciata dalla nobildonna, abbandonando l’uomo che ama e calandosi di nuovo in un mondo in cui gli inganni e i tradimenti sono moneta corrente… Ma in gioco c’è il destino di un popolo e Phèdre non può esitare: tenterà ancora una volta la sorte, ben sapendo che il prezzo da pagare potrebbe essere altissimo. Perché il dolore del corpo non è nulla in confronto al dolore dell’anima… Vivacissimo quadro di un universo animato da pirati e cortigiani, cavalieri e poeti, e percorso da una raffinata vena sensuale, “La prescelta e l’erede” è un romanzo avvincente, che ha il respiro delle grandi epopee ed è illuminato da un’eroina conturbante e indimenticabile.

LA  MASCHERA  E  LE  TENEBRE 

TRAMA:  Audace e indipendente, Phèdre nó Delaunay ha lottato a lungo per raggiungere la libertà. Abbandonata dalla madre a quattro anni e deputata quindi a servire in una delle Tredici Case che dominano Terre d’Ange, Phèdre ha infatti capovolto il suo destino, diventando non soltanto una delle cortigiane più ammirate, ma anche un’abilissima spia. Nel corso delle sue innumerevoli avventure, Phèdre ha sempre potuto contare sull’aiuto di Joscelin, il cavaliere che conosce la sua natura di anguisette - donne che possono mescolare la sofferenza e il piacere per natura e non per costrizione - e che non è mai venuto meno alla promessa di proteggerla e servirla. Eppure la sua fedeltà adesso deve superare una prova durissima: Phèdre non hai mai dimenticato Hyacinthe, l’uomo che dieci anni prima ha sacrificato la propria libertà per salvarle la vita, ed è decisa a fronteggiare qualunque ostacolo pur di redimere la triste esistenza dell’amico. Phèdre e Joscelin si apprestano perciò ad affrontare un lungo e pericoloso viaggio, che li condurrà verso corti sfarzose e regni decadenti, terre favolose e mari infiniti, e verso un potere così grande che nessuno osa nominare

- Altro libro che stavolta racconta una saga familiare tra invidie e tradimenti in stile Via col vento è CZARDA di Diane Pearson

Czardas: En verden går under

Trama: Amalia ed Eva Erenc vivono in un felice turbinio di feste, danze, mazzi di rose. La vita promette felicità e amore, ma è il 1914, sul mondo idilliaco ungherese si abbatte la falce della Grande guerra. I giovani partono e torneranno cambiati per sempre……

- Se vi piacciono i romanzi intriganti e avvincenti poi a mio parre dovete per forza leggere i romanzi di Kathleen Woodiwiss:

9635086

SERIE BIRMINGHAM

1. Il fiore e la fiamma

Titolo originale: The flame and the flower

Editore: Sonzogno

Trama: Londra, 1799. La giovane e bella Heather è in fuga dopo avere commesso un efferato crimine per difendere la propria virtù. Troverà rifugio sulla nave del capitano Birmingham, in partenza per le Americhe, dove l’aspetta una nuova vita. Ma prima di approdare nel Nuovo Mondo, Heather dovrà difendersi dalla torbida passione del capitano e dai travolgenti sentimenti che le ispira.

2. Una stagione ardente

Titolo originale: a season beyond a kiss

Editore: Sonzogno

Trama: Inghilterra, primi dell’Ottocento. Di famiglia nobile caduta in disgrazia, Raelynn Barrett decide d’imbarcarsi per l’America, la terra delle opportunità. Sogna un futuro migliore, ma andrebbe incontro a un triste destino se non intervenisse Jeff Birmingham, aitante e ricco uomo d’affari di Charleston. Innamorata del suo salvatore e ricambiata con passione, Raelynn è felice, ma un nemico trama nell’ombra per separarli…

3. Cuori in tempesta

Titolo originale: The elusive flame

Editore: Sonzogno

Trama: Porto di Londra, ottobre 1825. Il coraggioso capitano Beauregard accoglie sulla sua nave in rotta per l’America la bellissima Cerynise, in fuga da un uomo senza scrupoli che vuole farle del male. Tra loro nasce un sentimento irresistibile, ma ben presto pericolosi segreti, nemici ostinati e violente tempeste infurieranno sull’oceano e dentro i loro cuori, mentre l’amore rischia d’infrangersi contro i marosi di un destino avverso.

ROMANZI SINGOLI:

Titolo: La donna del fiume

Titolo originale: Come love a stranger

Editore: Sonzogno

Trama: Cavalcava nella notte, coperta solo da una camicia trasparente e un mantello. Ricorca la carrozza, l’impatto dello scontro, ricorda di essere caduta…Poi più nulla. Si sveglia tra le braccia di Ashton, un uomo che sostiene di essere suo marito: un uomo affascinante, meraviglioso, ma le starà dicendo la verita?

Lierin - forse questo è il suo nome - non ha più passato, e il suo presente è popolato di presenze ostli: Marelda, che la considera una rivale nel cuore di Ashton; Malcom, che giura di essere lui e solo lui il suo vero marito; un sedicente padre ubriacone… Ed i fantasmi vaghi di un passato che stenta a riaffiorare alla memoria.Una sola certezza: tra le braccia di Ashton, e solo lui, Lierin si sente al sicuro, si sente donna, si sente amata.

Titolo: Petali sull’acqua

Titolo originale: Petals on the river

Editore: Sonzogno

Trama: Irlanda, 1747. Una giovane ingiustamente accusata di furto fugge su una nave negriera diretta in Virginia. Comprata come schiava da un gentiluomo inglese che la conduce in un’incantata residenza nei boschi, l’ardente diciottenne dagli occhi di smeraldo non sa resistere a quel suo enigmatico e generoso “padrone”. Ma un’oscura minaccia si addensa all’orizzonte, e un’altra nave solca l’oceano spinta da un vento di vendetta e di passione.

Titolo: Shanna

Editore: Sonzogno

Trama: Londra, 1749. Shanna Trahert, giovane, ricca, bellissima, non vuole accettare il matrimonio di convenienza che le impone il padre per continuare la discendenza della famiglia. e trova una “soluzione” molto particolare: sposare un condannato a morte (di gran nome, naturalmente) e restare vedova subito dopo le nozze. Ma non ha messo in conto l’attrazione fatale che li spinge l’uno verso l’altra…

Titolo: Come cenere nel vento

Titolo originale: Ashes in the wind

Editore: Sonzogno

Trama: New Orleans, 1863. Alaina MacGaren, una bellissima e giovane sudista accusata ingiustamente di tradimento durante la guerra di secessione, per dimostrare la proria innocenza si traveste da ragazzo, e sotto queste vesti incontra Cole Latimer, medico militare. Ma Cole, anche se è nordista, è leale e affascinante e ben presto Alaina disidera rivelarsi a lui nella sua vera natura.

Titolo: Fiori sulla neve

Editore: Sonzogno

Trama: Mosca, 1620. La giovane contessa Synnovea Zenkovna, rimasta orfana, è stata affidata dallo zar alla cugina, la principessa Anna Taraslovna. Mentre si dirige verso la capitale, nel silenzio della steppa innevata, la sua carrozza viene assalita dai briganti, e solo il tempestivo intervento di Tyrone Rycroft, un ufficiale inglese in missione in Russia, la salva dal rapimento. Tra i due sconosciuti scocca un’attrazione intensa, immediata, ma a corte, quando si incontreranno di nuovo, dovranno fronteggiare mille intrighi, pericoli e tradimenti.

Titolo: Il fiore sbocciato

Editore: Sonzogno

Trama: Lady Adriana Sutton è da sempre innamorata di Colton Wyndham al quale è stata promessa in matrimonio sin da ragazzina. Colton però, insofferente alle imposizioni paterne, parte improvvisamente per arruolarsi come ufficiale nell’esercito inglese impegnato nella guerra contro Napoleone. Al suo ritorno il suo cuore comincerà a cedere ad Adriana, divenuta una donna dalla bellezza e dalla vivacità straordinarie. Ma un segreto del suo passato e la comparsa di un rivale invidioso rischieranno di allontanare Adriana dalle sue braccia…

Titolo: Rosa d’inverno

Editore: Sonzogno

Trama: Inghilterra, 1792. Lord Saxton è un uomo potente e crudele. Le fiamme di un furioso incendio gli hanno sfigurato il volto, che da allora cela sotto una maschera di cuoio. Al “mostro” ” viene data in sposa la giovane e delicata Erienne da un padre privo di scrupoli. Il destino della sfortunata ragazza pare segnato. A meno che non riesca a scoprire chi si nasconde veramente dietro quella maschera.

Titolo: Magnifica preda

Editore: Sonzogno

Trama: E’ un epoca d’intrighi e tradimenti. Nell’Inghilterra turbolenta di Elisabetta I convivono i lussuosi balli a corte, la miseria degli stati più bassi della popolazione e gli orrori perpetrati dentro la Torre di Londra. Una notte la giovane, bella e innocente Elise Radborne scompare dalla proprietà dello zio.

Si ritrova prigioniera in un tetro castello di pietra e il suo rapitore è Maxim, un uomo affascinante e ipnotico che ha molti motivi per detestare la famiglia di origine del suo tenero ostaggio. Nonostante l’ostilità che sulle prime caratterizza il loro rapporto, tra Elise e Maxim nasce ben presto un sentimento che troverà molti ostacoli… 

Titolo: Per sempre

Editore: Sonzogno

Trama: Nell’Inghilterra del XII secolo, non c’è scapolo gentiluomo che non aspiri alla mano di Abrielle, ma quando al suo patrigno, di ritorno dalle Crociate, vengono negati il titolo nobiliare e i possedimenti promessi, i pretendenti improvvisamente scompaiono. Abrielle si vede costretta ad accettare il matrimonio con il ricco e ripugnante Desmond de Marlé. Al banchetto di nozze la novella sposa rivede l’avvenente Raven, emissario del re di Scozia, che tempo prima l’aveva sottratta a un tentativo di stupro. L’attrazione è irresistibile, ma il destino è loro avverso.

Titolo: Il lupo e la colomba

Editore: Sonzogno

Trama: Inghilterra, 1066. La colomba è Aislinn, la bella e fiera figlia del signore di Darkenwald. Il lupo è l’uomo che l’ha fatta prigioniera: Wulfgar, un valoroso guerriero di Guglielmo il Conquistatore. L’unico sentimento che una schiava può provare per il suo padrone è la vendetta. Ma fra i due giovani sorge una passione travolgente, che non si fermerà nemmeno davanti a ostacoli che sembrano insormontabili.

-Mi permetto di consigliarvi anche il romanzo che ho scritto a quattro mani, che è acquistabile online sul sito eharmony o in edicola, poiché anche lui è ricco di intrighi e complotti:

I colori della nebbia

I colori della nebbia

Mary e Frances Shepard

Trama: Italia 1815. Mantova, stretta nella morsa del nebbioso autunno, non è più un luogo sicuro per Matilde Vicolini. Dopo essere stata testimone di un orribile delitto, la giovane cerca di farsi forza e tornare a vivere, ma la strada per riconquistare la serenità è ancora lunga. La buona società è in fermento per la visita dell’Imperatore d’Austria, e quando la giovane incontra William Roschmann, a un ballo, ogni sua certezza vacilla. William è un ufficiale austriaco, ferito nel corpo e nell’anima durante la battaglia di Austerlitz. Fra loro è subito passione, ma una serie di attentati minaccia la vita di Matilde e ogni promessa di felicità sembra svanire. Fra complotti, delitti e il nascente fervore indipendentista che attraversa la città, riuscirà il coraggio di un uomo a mantenere la pace nel Lombardo-Veneto? E l’amore di Matilde sopravvivrà alle tenebre?

Questo mese in edicola con i Romanzi Mondadori è uscito un libro che vi consiglio caldamente:

    book cover of The Secret Diaries of Miss Miranda Cheever by Julia Quinn

Titolo: Il segreto di Miranda

Titolo originale: The secret diaries of Miss Miranda Cheever

Autore: Julia Quinn (una garanzia)

Trama: Londra, epoca vittoriana. Miranda Cheever si è innamorata del fratello maggiore della sua migliore amica a nove anni e non ha mai smesso di amarlo. Lui non l’ha mai notata, e un matrimonio sbagliato lo ha reso freddo e cinico. Eppure solo ora si accorge di lei….

Breve estratto:

“C’erano molte eccellenti ragioni per prendere in considerazione di sposare Winston, ma c’era una validissima ragione per non farlo, e stava proprio davanti ai suoi occhi. Se Miranda doveva sposare qualcuno che non amava, non sarebbe stato certo il fratello dell’uomo che invece amava. O pensava di amare. Cercava di convincersi che in fondo non amava Turner, che la sua non era che un’infatuazione risalente a quando era una ragazzina, e che prima poi l’avrebbe superata, anzi che probabilmente l’aveva già superata solo che non se ne era ancora resa conto. Era abituata a credersi innamorata di lui, era quello il problema. E quando le sembrava di avere finalmente perso questa odiosa abitudine lui faceva qualcosa di odioso come sorriderle e tutti i suoi buoni propositi volavano fuori dalla finestra ed era costretta a ricominciare da capo.

Ma un giorno sarebbe accaduto. Un giorno si sarebbe svegliata e si sarebbe accorta che erano passati ben due giorni dall’ultima volta che aveva pensato a lui, e poi sarebbero diventati magicamente tre giorni e poi quattro—

  “Miranda?”

    Lei alzò lo sguardo. Turner la stava guardando con un espressione divertita, che sarebbe potuta sembrare quasi paterna, solo che i suoi occhi brillavano…e per un momento lui era sembrato spensierato, e giovane e forse anche felice. E lei era ancora innamorata di lui. E lo sarebbe stata almeno per il resto della serata, era inutile cercare di convincersi del contrario. La mattina dopo avrebbe ricomiciato, ma per stanotte, non avrebbe nemmeno tentato. “

La mia opinione: Molto bello, quasi quanto “Un uomo da conquistare"  della stessa autrice. Quasi perchè il finale lascia un pò a desiderare in quanto sarebbe stato meglio che lui si accorgesse di amarla un pò prima……ma è un romanzo veramente dolcissimo e struggente e ho adorato Miranda. Consigliatissimo.

Sono felice sia finalmente disponibile in italiano, e a breve lo sarà anche il suo seguito che ha come protagonista la migliore amica di Miranda.

L’ho letto tempo fa, ve ne accenno in breve:

book cover of What Happens in London by Julia Quinn

Titolo: What happens in London

Autore: Julia Quinn

Trama: Stavolta protagonista del libro è Olivia, migliore amica e cognata di Miranda. Olivia viene a sapere da voci del ton che il suo nuovo vicino di casa potrebbe aver ucciso la sua fidanzata. Naturalmente non crede al pettegolezzo, ma curiosa inizia a spiarlo. E lui, accortosi che lei lo spia, la spia a sua volta……

Breve estratto:  

La stava baciando.

"Harry!" esclamò lei stupita.

"Non potevo farne a meno. Tu eri lì e io dovevo baciarti." disse lui.

Era la cosa più romantica che Olivia avesse mai sentito.

"Tu esisti perciò io ho bisogno di te." continuò Henry.

No, questa era la cosa più romantica che Olivia avesse mai sentito 

La mia opinione: 

Veramente carino.Ciò che mi è piaciuto di più di questo libro sono senza dubbio i protagonisti che, una volta tanto non si piangono addosso, non si complicano la vita creandosi conflitti interiori, non si meravigliano quando si innamorano….insomma sono due persone intelligenti che si innamorano naturalmente e semplicemente, senza partiocolari circostanze ad aiutarli o ostacolarli.

Agosto, mese caldo, afoso…pigro, ma anche un mese che presenta sempre molte uscite hot.

Infatti sono finalmente disponibili in italiano due romance che mi piacciono tantissimo e di cui vi ho parlato alcuni mesi fa.

Con i Romanzi Mondadori, collana emozioni, esce La proposta di Mary Balogh. Bè la Balogh è sempre una garanzia ma questo romanzo, inizio di una nuova serie, ci ripresenterà anche molti personaggi che i fan di questa autrice amano, I Bedwyn.

book cover of 
The Proposal 
 (Survivor's Club, book 1)
by
Mary Balogh

Titolo: La proposta

Titolo originale: The proposal

Autore: Mary Balogh

Serie: Primo libro serie Survivor club, per parte di protagonista maschile

Legato invece alla serie Bedwyn per parte di protagonista femminile.

Trama: Gwen, Lady Muir (amica e parente di Lauren protagonista del romanzo Un’estate da ricordare) è vedova ormai da molti anni.  Era stata innamorata del marito che però era probabilmente bipolare diremmo noi oggi, cioè soggetto a fortissimi sbalzi d’umore e spesso depresso, e che quindi finchè non si è ucciso non le ha certo reso la vita facile. Dopo quegli anni turbolenti è stata felice di vivere in pace, ma adesso inizia a sentirsi sola in fondo è ancora giovane non ha quarant’anni, e se si risposasse? Fato vuole che incontri e venga salvata da un eroe delle guerre Napoleoniche che per il suo coraggio ha anche ricevuto un titolo nobiliare anche se era di ceto medio. Hugo è un omone massiccio, quasi sempre con un’espressione cupa in volto, ma in realtà è un tenerone insicuro, per di più segnato dagli anni di battaglie in modo profondo. I due sono incredibilmente diversi per carattere ceto e dopo la turbolenza del passato vorrebbero trovare compagni meno impegnativi ma si innamorano….

La mia opinione: Non è il più bel libro di Mary Balogh ma è carino. Gwen è una protagonista fantastica e vale la pena di leggerlo anche solo per conoscere come finisce la sua storia iniziata in un altra serie. Io personalmente non l’avrei mai accoppiata con Hugo, così fisico e poco incline a parlare, ma il rapporto funziona proprio in base alle loro differenze e similarità, ed è bello vedere pian piano come i preconcetti di entrambi vengono sconfitti dalla conoscenza reciproca e dall’amore.

Questo è un tipico romance che io chiamo calmo. Niente nemici o attentati o problemi o incomprensioni insormontabili tra i due. Solo due persone normali che hanno remore ad impegnarsi a causa del passato della differenza di ceto sociale e tante altre piccole cose che però sono sconfitte facilmente. Io adoro i romance così semplici ma in questo devo ammettere che non mi sono molto affezionata al protagonista, non so bene perchè.

Non vedo l’ora di leggere i romanzi successivi della serie poichè abbiamo già conosciuto in questo romanzo i membri del club dei sopravvissuti alle guerre napoleoniche e sono tutti feriti in modo psichico e fisico e molto interessanti. Uno è cieco, uno balbetta, una non riesce più a manifestare emozioni…..vedremo come la Balogh saprà giocarseli. Sicuramente bene immagino.

Piccola chicca nel romanzo vediamo brevissimamente in azione il capostipite della famiglia Bedwyn il duca di ghiaccio….che nostalgia!

Sempre con I Romanzi mondadori, ma nella collana passione esce Il mio Duca di Julie Anne Long. Fa parte di una serie di cui non ho amato gli altri libri, ma questo lo adoro ed è leggibilissimo da solo:

book cover of   What I Did For a Duke    (Pennyroyal Green, book 5)  by  Julie Anne Long

Titolo: Mio Duca  

Titolo originale: What I did for a Duke

Autrice: Julie Anne Long

Serie: Pennyroyal Green


1. The Perils of Pleasure (2008)
2. Like No Other Lover (2008)
3. Since the Surrender (2009)
4. I Kissed an Earl (2010)
5. What I Did For a Duke (2011)
6. How the Marquess Was Won (2011)
 

Trama
: Il Duca di Falconbridge, quasi quarantenne, vedovo da anni e con una brutta reputazione che narra di una moglie avvelenata e diversi duelli è stanco,. Talmente stanco che quando capisce che la sua futura sposa sta per tradirlo con lo scapestrato Ian Eversea, non si sforza nemmeno di sfidarlo. Gli basta sorprenderli e spaventarli a morte. Rotto il fidanzamento la ex fidanzata se ne va all’estero e il Duca decide di vendicarsi di Ian in modo alternativo: sedurrà e abbandonerà una delle sue due sorelle. La scelta cade su Genevieve Eversea, la più pacata e normale degli Eversea. I suoi fratelli, tre, sono tutti scapestrati e hanno avuto passati coloriti, fra battaglie galere e fughe da letti di donne sposate, sua sorella Olivia invece è dedita all’aiuto dei più deboli, insomma Genevive temendo per la salute dei genitori si è sempre sforzata di essere almeno lei calma e saggia, talmente tanto che ora si sente soffocare, poichè dentro è molto diversa da come appare e il Duca lo coglie. Ciò che parte però come un piano di seduzione e vendetta si ritorcerà contro il Duca in modo imprevisto…..

La mia opinione. Non per nulla questa autrice è consiglitata da Amanda Quick una delle mie autrici preferite. Nonostante qualche difettuccio che non mi permette di dire che supera autrici come Mary Balogh o Laura Lee Guhrke, le sue scene d’amore e il primo bacio tra i due protagonisti varrebbero da soli la lettura del libro. Bellissime e toccanti, scritte benissimo.
Se il romanzo non mancasse un pò di scorrevolezza, sarebbe da dieci e lode. Veramente veramente bello. Lo consiglio tantissimo.
Se solo i suoi personaggi pensessero un pochino di meno o ragionasero un pò di meno….bè avrebbe superato la Guhrke per il bacio.
Ma passiamo aspiegarvi meglio.
Come ho detto nella trama Il Duca parte per vendicarsi. Si fa ospitare per un piccolo party nella casa degli Eversea e tortura psicologicamente Ian con la sua presenza. Vuole sedurre e abbandonare Gnevieve ma più la conosce più capisce che dovrà cambiare i suoi piani. Genevieve infatti è innamorata di un amico di sempre, Harry, che però le ha appena annunciato che vuole proporre alla sua migliore amica Millicent, di sposarlo. E quindi ha il cuore imnfranto. E’ intrigata dal Duca e nella sua innata gentilezza intuisce che stia soffrendo inoltre è affascinata dal aftto che lui sembra vedere le passioni che nasconde in profondità, ma sa anche che se la corteggia deve avere un secondo fine, lei non è certo il suo tipo. Così glielo chiede e lui le spiega il suo piano contro Ian. Cos’ i due si accordano. Lei l’aiuterà a torturare Ian fingendosi interessata al Duca, e lui l’asiuterà a conquistare Harry desiderandola apertyamente e risvegliando così la sua gelosia.
Tutto molto logico e sensato, non trovate? Ma il cuore non è logico e il Duca pian piano si innamora di Genevive. Anche lei, ma non lo capisce, sa solo che se non lo vede sta male ma scambia l’amore per mera passione. Il Duca sa, ma tace, per paura, timore..non vuole più soffrire non vuole essere respinto. Tutto inizia con un bacio, poi segue una notte di passione. Il Duca sa, cerca di proporre il matrimonio ma lei….

Non aggiungo oltre, dico solo che il libro, parte un tantino lento, ma poi evolve in qualcosa di meraviglioso. Leggetelo mi raccomando.

Vale la pena leggerlo per i suoi fantastici protagonisti. Il Duca poi è meraviglioso, e anche Gernevieve. Ci sono così tante scene toccanti. Per citarne una. Quando Lei nota per la prima volta il colore degli occhi di lui, oppure le rughe ai lato dei suoi occhi e della sua bocca…..sono piccoli particolari, ma così reali, verosimili. Quando sia ama una persona, di lui si nota ogni cosa ogni più piccolo perticolare e specialmente in una donna il desiderio di proteggerlo nasce spontaneo. E genevive più volte rimarca su questi suoi senstimenti pur non riconoscendoli per amore.
Bellissimo anche il dialogo dove il Duca parla della sua defunta moglie.

Geneveive gli chiede: Era bella?

“Era bella?” ripetè la domanda divertito come se l’avesse attesa. Scosse la testa. “Che tipca domanda femminile! Non lo so.”
“Come è possibile? Tu eri sposato con lei!”
“Credo che lo fosse. Certo che lo era. Ah, Miss Eversea.” rise. “Mi spiace deluderti, ma se vuoi sapere il colore dei suoi occhi  o dei suoi capelli, o sentirmi lodare le sue labbra di rubino e tutto il resto, perchè, da donna, vuoi sapere se era più bella di te, non ti posso accontentare. Per me era bella ed era questo che contava. Non era il suo aspetto, che ormai anche nei miei ricordi è sbadito, era tutto ciò che lei…..bè, tutto ciò che lei era. La bellezza è meno importante di ciò che le donne credono. Il più grande piacere della mia vita era sapere che mi prendevo cura di lei e la rendevo felice. La guardavo e pensavo “bella” e probabilmente l’avrei pensato anche quando avesse avuto settant’anni. Ma è tutto così distante ora.”
“La amavi?”
“Sì l’amavo.”
“Lo capisti immediatamente?”
Una curiosa esitazione. “Sì.”

Altro brano molto bello è quando il Duca si rende conto dei suoi sentimenti: 

"But here was the thing he feared: he wanted to talk to her every day. He wanted to make love to her every night. He wanted to know every curve and angle of her body, every hollow, every freckle, every scar. He’d never known a more clawing hunger for a woman’s body, and it shocked him, and he was clever enough to know it had only a little to do with her body. An incinerating, honest passion, the equal of his, was only the expression of who she truly was.
He wanted to know all of her thoughts. He wanted to tell her . . . well, most of his. He would ask nothing else from life if he would be allowed to protect and cherish her for the rest of his.
And yet he knew she hadn’t a clue, really, about what he felt. She was still deciding what she thought love meant. She was convinced it meant Harry. And thinking it meant Harry and believing it amounted to the same thing.
The irony was exquisite.
He blew a perfect ring of smoke and closed his eyes. Beautiful.
He snorted. He wished for access to all the world’s languages at once, for then he would have a better word for how he felt and what she was. But he relived again the feel of her falling apart in his arms, the feel of her body welcoming his into it, and how he felt like a simpleton, entirely new and blessed, and he knew beautifulwould have to do.
How about that? He’d been mastered at his own game. He was man enough to admit it. Men truly were simpletons.
Howhad it happened?
Like the measles, love is most dangerous when it comes late in life.
George Gordon, Lord Byron, had said that, and it was a dire day indeed when he found wisdom in the words of that bloody fool. But he understood. Before he’d been too young to really understand; he’d loved and he’d married as a young man will. But now he understood why someone would write things like “she walked in beauty like the night” and so forth. Because poetry was a barrier against raw emotions.”


Non l’ho tradotto così allenate un pò il vostro inglese. 

Insomma come avrete capito da questi brevissimi brani è veramente un gran bel libro. Profondo e toccante.